SALA STAMPA - chi è canoaverde

CANOAVERDE è un’associazione senza scopo di lucro iscritta al Registro Regionale delle Associazioni di Promozione Sociale. È stata fondata nel 1991 come circolo di Legambiente e nel 2017 ha aderito anche a FICT Federazione italiana canoa turistica. Come recita lo Statuto, CANOAVERDE è “un’associazione ambientalista e pacifista, opera a favore di una società basata su di un equilibrato rapporto uomo natura, per un modello di sviluppo fondato sull’uso appropriato delle risorse naturali e umane e per la difesa dei consumatori e dell’ambiente, per la tutela delle specie animali e vegetali, del patrimonio storico e culturale, del territorio e del paesaggio”.
Attraverso l’organizzazione di escursioni, raduni, iniziative culturali e formative CANOAVERDE promuove in particolare l’uso del kayak quale mezzo ecocompatibile per escursioni in mare e nelle acque interne, diffonde le conoscenze e sostiene la tutela degli ecosistemi acquatici.
Il gruppo ristretto dei soci fondatori si è allargato fino a raggiungere dopo venticinque anni i circa 130 affiliati. Alla guida dell’associazione si sono succeduti come presidenti Massimo Carlini, Luisa Casu, Paola Tasso, Vincenzo Porella, Giovanni Chiola e Giulio Pillepich. Da ricordare in questi anni il contributo volontario e gratuito di tanti soci per sostenere l’associazione attraverso i lavori di manutenzione e riparazione delle sedi, l’organizzazione di eventi e di uscite in mare: fra tanti citiamo l’impegno di Gino Frencia.
Nella primavera 2016 la sede storica di CANOAVERDE in via Sarfatti 36r a Nervi è stata lasciata per la nuova sede di via Ganduccio 2r, distante poche decine di metri, ma finalmente oltre il “Ponte Romano” che rendeva difficile l’uso di carrelli: il tragitto per il varo dei kayak nello specchio acqueo del Porticciolo di Nervi è ora di 130 metri, tutti in piano, con semplificazione di tutte le operazioni.
La sede dispone ora di uno spazio esterno utile per le operazioni di lavaggio delle attrezzature. All’interno lo spazio è diviso tra zona servizi igienici, spogliatoi maschili e femminili dotati di stipetti personali, angolo officina e zona rimessaggio dei kayak e attrezzature appartenenti ai soci e di quelle sociali (kayak, pagaie, giubbotti, paraspruzzi). Queste ultime sono a disposizione dei soci che sottoscrivono il “fondo canoa”, che possono così praticare il kayak da mare anche se non dispongono di una propria imbarcazione.